Abitazioni Ecologiche

Esistono diverse tipologie di abitazioni ecologiche: quelle costruite interamente con materiali di recupero e/o biodegradabili, quelle ad emissioni zero e quelle a consumi zero; proprio quest’ultimo tipo è oggi, vista la diffusa crisi economica, il maggiormente ricercato.

Esempio da seguire nella ricerca di una casa a consumi zero è quello di una coppia italiana che in provincia di Fano, utilizzando le proprie mani, il proprio ingegno, la propria pazienza e soltanto 85000 euro di materiali, sono riusciti a costruirsi una villetta monofamiliare di 120 metri quadrati che non consuma assolutamente nulla: i costi delle bollette sono stati azzerati. Anzi, grazie al Conto Energia i proprietari ricevono circa 450 euro al mese (e li riceveranno per i prossimi 20 anni) dal GSE.

Come hanno fatto? Hanno integrato nel tetto un impianto fotovoltaico e vi hanno affiancato un generatore eolico: la loro abitazione consuma soltanto il 20 % dell’energia prodotta (grazie anche ad un sistema di illuminazione a led estremamente efficace) e un pacchetto di batterie garantisce l’approvvigionamento durante le ore notturne.

Per quanto riguarda l’acqua, hanno invece installato un efficiente sistema di recupero delle acque piovane che vengono filtrate e potabilizzate per essere consumate per scopi alimentari o sanitari (previa riscaldamento ad impianto solare).

Il risparmio energetico di quanto autoprodotto è infine garantito dall’utilizzo di pareti in legno con isolante che garantiscono un altissimo livello di isolamento.

L’abitazione ecologica è dunque a portata di mano, basta volerla.