Manutenzione Impianti Fotovoltaici: la nostra guida

Un impianto fotovoltaico è un motore a sfruttamento energetico pulito certamente fondamentale al miglioramento delle condizioni di vita per l’uomo e per l’ambiente, in termini di risparmio energetico e omissione di emissioni inquinanti.

Come tutti gli apparati meccanici però, idem per i più comuni kit fai da te, anche un impianto fotovoltaico può essere soggetto a una serie di guasti comuni relativi a un deficit del funzionamento dei propri componenti.

Anche se l’installazione di un impianto fotovoltaico comporta sullo stesso una garanzia di funzionamento ventennale, l’esposizione costante all’irraggiamento ma anche alle intemperie dei moduli solari, ne comporta inevitabilmente l’invecchiamento e deterioramento nel tempo, con conseguente riduzione del rendimento elettrico che, già dal primo anno di vita, può risultare pari a circa l’1%.

Vediamo insieme quali siano i guasti più comuni a cui possa essere soggetta la nostra impiantistica verde.

I GUASTI DEI PANNELLI SOLARI

Per quanto riguarda i moduli fotovoltaici, il guasto più comune consiste nel corto circuito degli stessi con conseguente abbassamento di tensione o mancata produzione di elettricità.

La costante esposizione ai raggi ultravioletti solari, favorisce il deterioramento della resina protettiva delle celle fotovoltaiche con conseguente rilascio di agenti ossidanti atti al danneggiamento dei contatti metallici, danno che, anche se riscontrabile in una sola cella, può compromettere il funzionamento dell’intero impianto.

Gli stessi problemi possono essere causati da fenomeni atmosferici come fulmini, che possono creare grave danno ai pannelli solari e alle apparecchiature elettroniche o forti grandinate, che possono provocare la rottura dei moduli solari.

 

I GUASTI DELL’INVERTER

L’inverter è il “motore” dell’impianto fotovoltaico, in quanto deputato all’importante compito di convertire l’energia prodotta in elettricità utile all’alimentazione domestica.

I guasti più comuni dell’inverter possono sussistere nel cortocircuito dei contatti, per cui questi andranno&nbsp controllati, puliti da polvere, incrostazioni o altri eventuali residui e&nbsp sostituiti nei componenti danneggiati o bruciati.

E’ inoltre importante controllare sempre il voltaggio della batteria che, se troppo basso, necessiterà di carica o sostituzione.p>

COME PREVENIRE QUESTI INCONVENIENTI

Pulizia e manutenzione periodica, ai fini del corretto funzionamento dei nostri impianti a sfruttamento energetico pulito, sono fondamentali.

Ma, ai fini prettamente della prevenzione da guasti, un grande aiuto viene dalla produzione di appositi sistemi di segnalazione specifici per impianti fotovoltaici connessi in rete e con potenze comprese tra 1 e 20 Kw.

Questi strumenti sono in grado di individuare immediatamente fermi dell’impianto, fusibili bruciati, guasti all’inverter, cali di tensione, fornendo dati precisi in merito all’eventuale riduzione del rendimento elettrico dell’impianto, permettendo così un intervento tempestivo di manutenzione tramite il contatto diretto con personale specializzato.