Futuro fotovoltaico

Quale sarà il futuro fotovoltaico? Il nostro Paese ha da poco superato la fatidica quota dei 15 gigawatt fotovoltaici, all’inizio di settembre. Ma i dati sono in continua crescita, tanto che il Quinto Conto Energia, entrato in vigore solo il 27 agosto, rischia di durare ben poco.

Secondo i dati ufficiali diffusi dal Gse, il costo annuo degli incentivi risulta di circa 6,2 miliardi. Un valore sempre più vicino alla soglia critica dei 6,7 miliardi assegnata al Quinto Conto Energia. Superato questo confine inizia un territorio sconosciuto. Il fotovoltaico italiano dovrà continuare contando solo sulle forze.

È previsto un drastico calo delle installazioni, secondo le stime svolte dal Solar Energy Report di Vittorio Chiesa, del Politecnico di Milano, dai 6 gigawatt di potenza dell’anno scorso a 2,8 quest’anno. Si tratta di un taglio secco della metà per il mercato nazionale.

Solo nel 2011 il giro d’affari intorno al fotovoltaico aveva generato 15 miliardi di euro. Viste queste sue caratteristiche il fotovoltaico avrebbe comunque i numeri per continuare a produrre benefici per l’economia nazionale.

Il calo dei 500% dei costi relativi all’investimento negli ultimi quattro anni sarebbe attestazione di una tecnologia ormai matura. Ne sa esempio quanto occorso in Spagna, dove sorgono regolarmente parchi solari anche senza incentivi. Negli ultimi mesi ne sono stati avviati tre e i mercati hanno apprezzato.